appuntamenti:

Sapori dei Parchi in Jazz per Amatrice

«La nascita non è mai sicura come la morte. E questa la ragione per cui nascere non basta. È per rinascere che siamo nati.»
(Pablo Neruda)
Sapori dei Parchi in Jazz nasce come manifestazione di supporto e accompagnamento di Jazz italiano per L’Aquila. Ovvero “tenere insieme” la qualità dei musicisti e della loro musica con la bellezza e la qualità dei territori e dei prodotti della terra che i parchi italiani contribuiscono a custodire.
Un’intesa per portare produttori e prodotti enogastronomici di qualità all’interno della tre giorni musicale che gli orchestrali e i musicisti, capitanati da Paolo Fresu, avrebbero tenuto nel capoluogo d’Abruzzo. Un binomio nato all’insegna della qualità. Qualità della musica, qualità del cibo, qualità della vita. Tutto per consolidare il rapporto tra il Jazz e la città dell’Aquila e per contribuire al rilancio definitivo di una città e di un territorio che sono già incamminati su questa strada.
Gli eventi tragici e luttuosi che hanno coinvolto Amatrice e molti altri comuni limitrofi hanno determinato, per Sapori dei Parchi in Jazz, un cambio di programma e di obiettivi con scopi e finalità diverse. Un cambio sia da un punto di vista organizzativo sia da un punto di vista di contenuti.
La manifestazione si svolgerà nella giornata di domenica 4 settembre nel piazzale di Collemaggio a L’Aquila in concomitanza e sintonia con il grande concerto jazz che si terrà nello stesso luogo. Non più produttori dei parchi chiamati a vendere i propri prodotti, ma i parchi stessi a testimoniare la loro vicinanza alle popolazioni colpite dal nuovo sisma.
Accanto alla presenza del mondo dei parchi, due iniziative a scopo benefico, organizzate con il Comune dell’Aquila e la Perdonanza Celestiniana, il cui ricavato andrà interamente devoluto per il Cinema Teatro Comunale “Giuseppe Garibaldi” di Amatrice.
La prima iniziativa è la disponibilità di 1.200 bottiglie di vino offerte da cantine abruzzesi e italiane e 15 Magnum offerte dalle cantine: Feudo Antico, Cantina Tollo, Azienda Agricola Costantini Antonio, Torre Zambra, Azienda Agricola Valle Martello, Azienda Agricola Torre Raone, Cantine Bosco Nestore, Contesa, Valle Reale, Azienda Agricola Nicodemi, Azienda Agricola Terzini, Chiusa Grande, Azienda vinicola Dino Illuminati, Fattoria La Valentina, Cascina Del Colle, Vini Marchesi De' Cordano.
La seconda è la possibilità di servire pasta all’Amatriciana grazie alla sensibilità del pastificio Delverde che ha contribuito mettendo a disposizione attrezzature, materie prime e personale di cucina per la raccolta fondi. Il 100% del ricavato sarà devoluto per la stessa causa del Jazz italiano per Amatrice, ovvero la ricostruzione del teatro della città.
Una maggiore coesione sociale e territoriale gli obiettivi che Sapori dei Parchi in Jazz intende perseguire con questa iniziativa. Ci auguriamo soprattutto che tutti possano al più presto tornare alla normalità.
Viva la musica e il jazz italiano.